EURO Veneta srl - News

Tutti gli articoli


Le aziende del gruppo Ethan si adeguano alle novità legislative riguardanti il D. Lgs 231/2001. In relazione alle novità riguardanti l’applicazione del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, norma che in Italia disciplina la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche e delle associazioni, il CdA di Ethan SpA, riunitosi il 21 luglio 2017 ha deliberato di aggiornare il modello di organizzazione, gestione e controllo adottato in precedenza. 


Prima dell'approvazione della legge, alle aziende era precluso l'accesso ai benefici di legge in caso di liquidazione coatta, amministrazione controllata o fallimento se era accertato che la situazione derivava da un illecito 
amministrativo o penale commesso da un loro dipendente.

 

Con l'entrata in vigore della norma possono accedere a questo tipo di benefici anche le aziende che, in presenza di condanne dei loro dipendenti, dimostrino di avere attuato tutti i controlli obbligatori per prevenire il reato. In questo modo, chi detiene la proprietà e la gestione non è indotto a complicità con i diretti responsabili, preservando quindi l’azienda in caso si verificassero reati commessi da parte dei propri dipendenti.

 

Rispetto al modello già adottato dal CdA Ethan con deliberazione del 15 marzo 2011, il legislatore ha ulteriormente esteso l'ambito di applicazione della normativa in materia, introducendo nuovi reati per i quali il modello organizzativo richiede di essere aggiornato.  

 

Sarò infatti necessario aggiornare la parte speciale del modello per regolamentare la  responsabilità amministrativa della  società per reati contro la pubblica amministrazione, societari, informatici, ambientali,  riciclaggio, nonché il reato di impiego di lavoratori irregolari. Step successivo per Ethan sarà quello quello di estendere l’aggiornamento del modello a tutte le società del gruppo.

    Postato in:
  • Ambiente
  • News



Matchmaking R&I al Campus di Cà Foscari di Mestre per Veneto Green Cluster, Rete Innovativa Regionale, e docenti e ricercatori dell’Università Cà Foscari di Venezia.

Nel corso del Cà Foscari Event infatti, Enrico Cancino, Coordinatore delle attività di Veneto Green Cluster, ha presentato la Rete ai numerosi docenti e ricercatori intervenuti all'incontro.

Le Reti Innovative Regionali (RIR) rappresentano un elemento cruciale per le prospettive di sviluppo della realtà economica-produttiva del Veneto. Si tratta di aggregazioni di imprese e soggetti pubblici e privati presenti in regione che operano in settori innovativi e sono in grado di rappresentare modelli di imprenditorialità nuova o innovativa.

Le RIR costituiscono una grande opportunità di collaborazione fra le aziende e il mondo della ricerca e per l’identificazione di progettualità che potranno essere sviluppate a vario livello: attraverso i fondi europei per lo sviluppo regionale ( programmazione 2014-2020 del POR FESR Asse “Competitività dei sistemi produttivi” e Asse “Ricerca e Innovazione”); attraverso fondi ministeriali e il collegamento ai Cluster Nazionali; attraverso i fondi del programma europeo Horizon 2020.

La Regione Veneto ha fino ad oggi riconosciuto 13 RIR, tra cui “Veneto Green Cluster”, l’unica rete focalizzata sui temi dell’economia circolare.
Il video si riferisce all’intervento integrale di Enrico Cancino, Coordinatore delle attività di Veneto Green Cluster, al Cà Foscari Event.
    Postato in:
  • Ambiente
  • News



Nell’ambito Smart Specialization Strategies della Regione Veneto, si è svolto lunedì 29 maggio l’incontro Scenari e prospettive per l’Università di Padova nell'area Smart Manufacturing presso l’Aula Magna di Ingegneria. In questo incontro, riservato a docenti e ricercatori dell’Università di Padova, sono stati illustrati: 

i temi e le traiettorie di ricerca che caratterizzano l'area Smart Manufacturing;

le Reti Innovative già costituite e approvate in tale area;

le informazioni essenziali, attualmente disponibili, sui prossimi Bandi Regionali per attività di Ricerca e Innovazione.

Veneto Green Cluster , presentata dall’ing. Antonio Casotto, presidente di Ethan S.p.A., è stata fra le 5 reti Innovative Regionali presentate nel contesto Manufacturing. Le Smart Specializations per la Regione Veneto, con un’attenzione particolare per le Smart Manufacturing sono state inserite nel documento RIS3 approvato ufficialmente nei giorni scorsi. Il RIS3 è un documento che costituisce il presupposto per le future attività di Ricerca, Sviluppo e Innovazione da condurre a livello regionale, con specifiche progettualità proposte e sviluppate da Reti Innovative Regionali, Distretti, Aggregazioni di Imprese.

Guarda il video di presentazione della RIR Veneto Green Cluster:


    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Enrico Cancino, Coordinatore di Veneto Green Cluster, presenta la Rete Innovativa Regionale (RIR) focalizzata sui temi dell'economia circolare, riconosciuta dalla Regione Veneto. Fanno parte della rete: Imprese, Enti di ricerca, Università, Associazioni di categoria aderenti al network Green Tech Italy.

    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Verso un mondo migliore è l'impegno e la prospettiva con cui si lavora nelle aziende del gruppo Ethan. Un impegno che traspare dal nuovo video corporate che mette in evidenza i mercati in cui sono operative le aziende del gruppo (Ecologia, Sostenibilità, Export),  e più in generale l'interesse per l'ambiente, come testimonia lo slogan Passione per l'Ambiente che da sempre caratterizza le aziende del gruppo Ethan.Fra gli asset del gruppo ci sono 6 impianti di gestione per il riciclo dei rifiuti industriali (tutte le categorie di CER) in materie prime seconde (MPS) pronte per essere nuovamente disponibile per il mercato industriale.


    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Video integrale della presentazione di Veneto Green Cluster tenuta dall'ing. Antonio Casotto, presidente Ethan group, al Circolo Wigwam ad Arzerello di Piove di Sacco venerdì 28 aprile 2017 nel corso di un incontro promosso dall'ARGAV, Associazione Regionale Giornalisti Agroalimentari e Ambientali del Veneto e del Trentino Alto Adige. Veneto Green Cluster è una rete innovativa regionale (RIR) riconosciuta dalla Regione Veneto. I progetti promossi dalla RIR sono focalizzati nell'ambito dell'economia circolare e, in particolare, nel riciclo dei rifiuti in energia o nuovi beni industriali.


    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Veneto Green Cluster, Rete Innovativa Regionale (RIR) riconosciuta dalla Regione Veneto, è stata presentata nel corso dell'incontro Il Nuovo Piano Industriale per il Veneto, organizzato da Fondazione Univeneto e Regione Veneto, svoltosi presso l’Aula Magna, Palazzo Bo, dell’Università di Padova, venerdì 31 marzo 2017. I video postati si riferiscono proprio alla presentazione di Veneto Green Cluster (3 minuti) curata dall'ing. Antonio Casotto in Aula Magna, e a un'intervista in cui lo stesso Casotto illustra gli obiettivi della neonata Rete Innovativa Regionale (RIR).

Antonio Casotto, presidente di Ethan S.p.A., società di servizi a favore delle proprie partecipate, è stata, di fatto, il nucleo aggregante intorno a cui si è consolidato il network di imprese, università, associazioni di categoria, centri di ricerca, che hanno dato vita a Green Tech Italy, soggetto preposto alla rappresentare giuridicamente Veneto Green Cluster. Fra le aziende capofila di Green Tech Italy ci sono infatti Elite Ambiente srl ed Eco-Management srl, entrambe aziende partecipate da Ethan S.p.A.

    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Vi presentiamo il logo di Veneto Green Cluster, rete d'impresa riconosciuta dalla Regione Veneto, promossa dal network Green Tech Italy, focalizzata sui temi dell'economia circolare. Tre sono le componenti che si integrano in questo logo:

- La ragione sociale, che ha nel Veneto il punto di aggregazione delle componenti che si sono aggregate nel network Green Tech Italy, soggetto attraverso cui è stata promossa la rete d'impresa;
  
- I colori dell'arcobaleno che ritroviamo nelle icone dell'economia circolare;

- L'icona che caratterizza l'attività di riciclo dei materiali.

Green Tech Italy è un network di aziende, associazioni, università, parchi tecnologici che hanno il proprio denominatore comune nel settore della “green technology”.


www.greentechitaly.com

    Postato in:
  • Ambiente
  • News



Il 30 aprile sono fissate alcune importati scadenze fiscali che vi riassumiamo di seguito:

Presentazione MUD entro il 30 aprile 2017

Il modello di dichiarazione, previsto dal Dpcm 17 dicembre 2014, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 97 alla Gazzetta ufficiale – serie generale – n. 299 del 27 dicembre 2014, è confermato anche per il 2017.
Il modello, già utilizzato nel 2016, sarà lo stesso quindi anche per le dichiarazioni da presentare entro il 30 aprile 2017 (essendo giorno festivo la scadenza slitta al 2 maggio).
Informazioni aggiuntive alle istruzioni riportate in Allegato al Dpcm 17/12/2014 (che rimangono valide) saranno rese disponibili sui siti Internet del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dell’ISPRA, dell'Unioncamere, di Infocamere e di Ecocerved.

Scadenza 30 aprile 2017 contributo Sistri

Il 30 aprile è la data ultima per effettuare il versamento del contributo Sistri 2017; 
Sono tenuti al pagamento del contributo annuo esclusivamente i soggetti obbligati secondo le disposizioni legislative vigenti.
Le modalità di versamento sono disponibili al sito ufficiale  www.sistri.it 
Dopo aver effettuato il pagamento dei contributi spettanti, l'operatore dovrà comunicare gli estremi del pagamento accedendo con il proprio dispositivo USB all’applicazione GESTIONE AZIENDE. 

Scadenza 30 aprile 2017  diritti annuali di iscrizione Albo Nazionale Gestori Ambientali

Scade il 30 aprile la data di versamento del diritto annuale delle imprese iscritte all’Albo Gestori ambientali.
Nell'area riservata alla Impresa, all'interno del sito ufficiale dell'Albo Nazionale Gestori Ambientali (http://www.albonazionalegestoriambientali.it/ ),
 è disponibile il nuovo servizio per il PAGAMENTO TELEMATICO dei diritti annui.
E' possibile provvedere al versamento mediante i seguenti strumenti:
1) Carta di credito su circuito Visa / MasterCard
2) TelemacoPay su circuito InfoCamere o IConto
3) MAV Elettronico Bancario pagabile senza alcuna commissione aggiuntiva mediante qualsiasi istituto bancario sia on-line, sia presso qualsiasi sportello bancario (Poste Italiane e Banco Posta Esclusi)
Per eseguire il pagamento si deve accedere al portale http://www.albonazionalegestoriambientali.it/  e si deve selezionare la voce "Login Imprese" raggiungibile direttamente anche dal link:http://www.albonazionalegestoriambientali.it/Impresa/Login.aspx
Entrando nella sezione DIRITTI si trova il dettaglio degli importi dovuti e la modalità di scelta del pagamento telematico desiderato.
Si precisa che, ai sensi dell'art. 20 e 24 del D.M. 120/2014, "l'omissione del pagamento del diritto annuo nei termini previsti comporta la sospensione d'ufficio dall'Albo, che permane fino a quando non venga effettuato il pagamento".

Dichiarazione RAEE  

Come previsto dall'art. 34 del D.Lgs 49/2014 entro il 30 aprile 2017 è necessario rendicontare al Centro di Coordinamento RAEE i volumi di RAEE gestiti dagli impianti di trattamento RAEE 
nell'anno 2016. 
La consuntivazione dei RAEE potrà avvenire nell'area riservata del portale www.cdcraee.it a partire dal 15 marzo 2017. 

    Postato in:
  • Ambiente
  • News



La Giunta della Regione Veneto al lavoro nel corso di una recente seduta. 

La rete d’impresa promossa da Green Tech Italy è l’unica con focus sulla green economy fra quelle riconosciute dalla Regione

La Giunta Regionale del Veneto, nella seduta del 27 gennaio 2016, ha riconosciuto la rete innovativa regionale (RIR) Veneto Green Cluster e il contratto di rete dotato di soggettività giuridica Green tech Italy, quale soggetto giuridico preposto a rappresentarla nei rapporti con la Regione e le altre amministrazioni pubbliche.

Green Tech Italy è il network di imprese di cui fanno parte Eco-Management ed Elite Ambiente, aziende partecipate da Ethan Group, mentre Veneto Green Cluster è una rete d’impresa focalizzata sui temi dell’economia circolare e caratterizzata dall’attenzione nei confronti delle tecnologie innovative nel settore dello smaltimento rifiuti.

Fra le 12 reti d’impresa riconosciute dalla regione Veneto, Veneto Green Cluster è l’unica focalizzata sulla green economy. Nelle prossime settimane si svolgeranno gli incontri fra i rappresentanti delle aziende, associazioni di categoria, università e centri di ricerca che si sono fin qui aggregate in Veneto Green Cluster. L’obiettivo ora è quello di mettere a punto progetti di assoluta innovazione per un settore, qual è quello della green economy, che sta attraversando una fase di forte sviluppo.

    Postato in:
  • Ambiente
  • News

Con l’acquisizione di Veneta Recuperi Ambienti srl, il gruppo Ethan si sviluppa nel nord ovest


Veneta Recuperi Ambienti srl, con sede a Sona (VR), società di riferimento nel veronese e nel Veneto per il recupero, il trasporto, lo smaltimento di rifiuti, è stata acquisita dalle aziende del gruppo Ethan S.p.A., società di investimenti e servizi nel green economy con sede a Grisignano (VI). 

Veneta Recuperi Ambienti, ribattezzata Euro Veneta srl, è autorizzata per l’attività di raccolta, trasporto, recupero, intermediazione e smaltimento di rifiuti, pericolosi e non pericolosi. L’azienda si sviluppa in un’area di 3500 mq. di cui 2000 coperti e, con l’ingresso nel gruppo Ethan, si avvarrà del supporto del Laboratorio Analisi Euro Lab della consociata Eco-Management srl per l’analisi chimica, fisica e microbiologica/batteriologica su matrici ambientali (acque, aria, terreni, rifiuti) e alimentari secondo quanto richiede la normativa vigente.

Euro Veneta srl, entra a far parte del gruppo Ethan che, dopo essersi radicata integrando nel proprio gruppo aziende con impianti di smaltimento rifiuti in provincia di Padova e Vicenza, sceglie la provincia di Verona come punto strategico per svilupparsi non solo nel veronese, ma anche nelle province di Brescia, Mantova e Trento.


    Postato in:
  • Ambiente
  • News